Divisibilità

Numeri interi, divisibilità, primalità, ed equazioni a valori interi.

Divisibilità

Messaggioda Giovanni98 » 12/09/2016, 13:54

Siano $a,b$ due interi positivi dispari. Dimostrare che se $2ab+1 \mid a^2+b^2+1$ vale $a=b$.
Avatar utente
Giovanni98
 
Messaggi: 1255
Iscritto il: 27/11/2014, 14:30

Re: Divisibilità

Messaggioda Gerald Lambeau » 23/09/2016, 17:04

Vieta-Jumping!
Sia $\displaystyle \frac{a^2+b^2+1}{2ab+1}=k \in \mathbb{Z^+}$. Si dimostra facilmente che $a=b \Leftrightarrow k=1$. Supponiamo quindi per assurdo che esista $k>1$ intero tale che esiste almeno una coppia $(a, b)$ di interi positivi dispari che risolve $a^2+b^2+1=2abk+k$.
Essendo interi positivi esiste una coppia $(a, b)$ soluzione tale che $\min(a, b)$ è il minimo possibile al variare di tutte le coppie che sono soluzioni (ovviamente consideriamo solo quelle con entrambe le variabili dispari). Diciamo WLOG $a \ge b$, quindi il numero sotto il quale non possiamo scendere è $b$. Ora, dato che vale $a^2-2abk+b^2+1-k=0$, l'equazione $x^2-2xbk+b^2+1-k=0$ ha due soluzioni: una è $a$, l'altra è, per le formule di Viète, l'intero $c=2bk-a$. Essendo $a$ dispari, lo è anche $c$.
Se $c>0$ vale $bc \le ac=b^2+1-k$ dove l'ultima uguaglianza è vera sempre per Viète. Ora, essendo $k>1$, vale $1-k<0$ da cui $b^2+1-k<b^2$ e quindi $bc<b^2 \Rightarrow 0<c<b$, assurdo in quanto la coppia di dispari soluzione $(b, c)$ avrebbe minimo $c$, minore di $b$ che era il minimo della coppia di dispari soluzione $(a, b)$, la coppia di dispari soluzione che aveva il minimo più piccolo!
Quindi $c<0$. Ora osserviamo che $(a+1)(c+1)=ac+a+c+1=b^2+1-k+2bk+1=b^2+2+k(2b-1)$, e dato che $b>0$ quell'affare è $>0$, quindi $(a+1)(c+1)>0$, ma $a+1>0$, quindi dev'essere $c+1>0 \Rightarrow c>-1$. Abbiamo quindi dimostrato che, se esiste $k>1$ intero che risolve, allora esiste un intero dispari $c$ tale che $-1<c<0$, assurdo!
Dunque $k=1 \Rightarrow a=b$.
"I matematici non realizzano nulla... semplicemente scoprono e dimostrano verità intrinseche riguardanti tutto ciò che esiste, ovvietà e banalità per una mente superiore, perfetta. Ed è quello il mio obiettivo!"
Cit. Marco (mio vero nome)
Gerald Lambeau
 
Messaggi: 920
Iscritto il: 07/01/2015, 18:18

Re: Divisibilità

Messaggioda Gerald Lambeau » 30/09/2016, 16:06

Penso sia arrivato il momento di chiedere un giudizio sulla mia soluzione.
"I matematici non realizzano nulla... semplicemente scoprono e dimostrano verità intrinseche riguardanti tutto ciò che esiste, ovvietà e banalità per una mente superiore, perfetta. Ed è quello il mio obiettivo!"
Cit. Marco (mio vero nome)
Gerald Lambeau
 
Messaggi: 920
Iscritto il: 07/01/2015, 18:18

Re: Divisibilità

Messaggioda alex00 » 27/10/2016, 22:37

Per quanto il mio giudizio sia di poca importanza posso dire che sembra una bella soluzione. Ad ogni modo avrei una domanda: usando le formule di Vieta si ricava che le soluzioni formano una serie \((a,b,\dfrac{b^2+1-k}{a},...)\). Ora affinché questi interi siano positivi devo avere \(b^2+1-k>0\) e quindi \(b^2+1>k\). Siccome le serie di prima è crescente (ecco su questo punto non ho dimosttazioni formali e infatti chiedo se è giusto affermare ciò) posso trovare che il minimo b soluzione è 1 (sarebbe la soluzione banale \(a=b=1\)). Quindi \(2>k\) e siccome k è positivo e intero allora \(k=1\).
Vorrei sapere se (magari aggiustata) quest'idea può essere azzeccata.
alex00
 
Messaggi: 32
Iscritto il: 17/02/2016, 16:58

Re: Divisibilità

Messaggioda Gerald Lambeau » 27/10/2016, 22:59

Quella serie mi sembra decrescente, e si dovrebbe banalmente dimostrare con $k \ge 1, a \ge b$. Ora però che arriva in $1$ lo devi dimostrare (ad esempio supponendo per assurdo che il minimo sia maggiore di $1$ e trovando un elemento successivo ancora più piccolo). Poi il resto dovresti spiegarlo meglio perché in un paio di passaggi sinceramente mi sono perso XD.
"I matematici non realizzano nulla... semplicemente scoprono e dimostrano verità intrinseche riguardanti tutto ciò che esiste, ovvietà e banalità per una mente superiore, perfetta. Ed è quello il mio obiettivo!"
Cit. Marco (mio vero nome)
Gerald Lambeau
 
Messaggi: 920
Iscritto il: 07/01/2015, 18:18

Re: Divisibilità

Messaggioda alex00 » 28/10/2016, 13:18

Mh giusto, si mi ero sbagliato sulla serie pardon. Ad ogni modo dimostrando che è decrescente e che il minimo è proprio\(1\) e sapendo che per tutti questi valori della serie \(k\) è lo stesso posso trovarlo sostituendo i valori minimi (che appunto sono \(a=b=1\)) e trovo che \(k=1\). È giusto ragionare così?
alex00
 
Messaggi: 32
Iscritto il: 17/02/2016, 16:58

Re: Divisibilità

Messaggioda Gerald Lambeau » 28/10/2016, 20:30

Sì, è corretto, più o meno è lo stesso principio su cui si basa la mia dimostrazione con Vieta-Jumping, anche se per come l'ho strutturata non serviva il passaggio dove si "scende" fino alla soluzione minima, ma comunque è giusto ragionare così.
Ora però devi effettivamente mostrare che il minimo sia $1$ e non $2$ o $7$ o boh.
"I matematici non realizzano nulla... semplicemente scoprono e dimostrano verità intrinseche riguardanti tutto ciò che esiste, ovvietà e banalità per una mente superiore, perfetta. Ed è quello il mio obiettivo!"
Cit. Marco (mio vero nome)
Gerald Lambeau
 
Messaggi: 920
Iscritto il: 07/01/2015, 18:18

Re: Divisibilità

Messaggioda alex00 » 28/10/2016, 20:48

Capito, ora magari mi metto un po' e provo. La mia idea è di trovare un limite inferiore sopra il quale posso sempre rendere la mia nuova soluzione \(c<b\). Perciò limitando i casi possibili sotto quel limite si può provare a vedere cosa succede a \(k\). Ora se il limite fosse \(2\) avremmo vinto.
alex00
 
Messaggi: 32
Iscritto il: 17/02/2016, 16:58

Re: Divisibilità

Messaggioda Giovanni98 » 29/10/2016, 21:44

Bene Gerald, ora però vi sfido a risolvere il problema senza VJ.
Avatar utente
Giovanni98
 
Messaggi: 1255
Iscritto il: 27/11/2014, 14:30


Torna a Teoria dei Numeri

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti