Come prepararsi per la normale di Pisa?

Oltre la matematica elementare: teoria, esercizi, e riflessioni sulle varie branche della matematica che si fanno all'università.

Come prepararsi per la normale di Pisa?

Messaggioda Sphyr » 19/11/2018, 23:13

Salve a tutti,
Sono uno studente di quinta superiore e da questa Estate ho iniziato a studiare (in maniera un po' "saltuaria", devo ammettere) per l'esame di ingresso alla normale di Pisa come studente di fisica. Premetto che faccio il classico e, sì certo, bellissimi Euripide e Saffo, ma intanto non mi sento minimamente pronto per questo esame: ho studiato da solo tutta la meccanica rotazionale, elettrostatica e magnetismo, ottica geometrica... E ho avuto poco tempo per esercitarmi con le prove degli anni precedenti. E anche se riuscivo a rintracciare una prova con soluzioni (sempre sia lodato sns.it!) succedeva che
1)non avevo la più pallida idea di come approcciare un esercizio o in alternativa 2)giungevo alla soluzione corretta ma in modo... Sgraziato, ecco.


TL;DR voglio passare l'esame di fisica e matematica della Normale e mi servirebbero testi/metodi di studio da chi già ci ha provato negli anni passati.

I miei materiali di riferimento sono
"Traiettorie della Fisica" del Bergamini
"Concise handbook of mathematics and physics" (Alenitsyn)
Le eccellenti lezioni del prof. Massimo Gobbino
Cordiali saluti,
Sphyr
Sphyr
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 19/11/2018, 23:01

Re: Come prepararsi per la normale di Pisa?

Messaggioda afullo » 20/11/2018, 0:18

Benvenuto!

Quanto ai testi, altri classici sono il Resnick/Halliday/Krane (spesso conosciuto semplicemente come "Halliday", è stato il mio libro di testo all'università), e il Tipler (che è stato il mio libro di testo al liceo, ma affronta la materia in maniera abbastanza sistematica ed approfondita, per essere un volume delle superiori).

Quanto ai metodi, per quello che ti posso dire (non ho provato il test alla Normale, mi sono laureato e dottorato in matematica a Torino), basandomi su confronti con colleghi, in fisica stanno molto a vedere come ragioni. Conta tanto come approcci il problema e l'inventiva che hai, perché poi alla fine la fisica la imparerai ancora da loro, l'importante è accertarsi che tu sia un'eccellenza, nel senso che tu abbia una forma mentale che ti permetta di apprendere al meglio i loro insegnamenti.

Poi certo, c'è tutta la mole di prerequisiti, anche perché dovresti partire da una base che plausibilmente sia superiore rispetto a quella del maturando o neodiplomato medio, però se riesci a risolvere degli esercizi anche in maniera non del tutto elegante, significa che hai una certa preparazione e un certo approccio mentale di partenza da cui costruirti il tuo percorso.
afullo
 
Messaggi: 1450
Iscritto il: 13/03/2013, 22:06

Re: Come prepararsi per la normale di Pisa?

Messaggioda Sphyr » 20/11/2018, 18:17

Grazie mille! I Suoi consigli sono preziosi e confortanti... Ho già sentito che all'esame prediligono la "creatività" per alcuni problemi, ma sono anche conscio di aver bisogno di ben più dell'infarinatura teorica che mi stanno (e sto) propinando... A suo tempo saltammo di pari passo pure la Gravitazione, e la sto recuperando soltanto adesso.
L'Halliday ad ogni modo si presenta come un ottimo sostituto ai ridicoli esercizi del Bergamini.
Se trovassi altre testimonianze di normalisti o metodi di studio meno catastrofici li posterò certamente qua :mrgreen:
Sphyr
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 19/11/2018, 23:01

Re: Come prepararsi per la normale di Pisa?

Messaggioda afullo » 20/11/2018, 18:49

Figurati. Sì, purtroppo in un liceo classico le ore dedicate alle materie scientifiche sono limitate, e se da una parte molti istituti classici stanno aderendo ad iniziative di potenziamento che permettono di arricchire l'offerta formativa, dall'altra la rimozione di sperimentazioni come Brocca e PNI ha tolto la possibilità di avere ore in più "di default".
afullo
 
Messaggi: 1450
Iscritto il: 13/03/2013, 22:06


Torna a Matematica Universitaria

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti